Radix Reload è il rivoluzionario sistema che trasforma il vostro pc in una "macchina del tempo" ripristinando in pochi secondi il vostro pc a seguito di problemi con il sistema operativo. Vai a Radix

Dieci Motivi per Scegliere KEYcorporate

Unico sistema al mondo brevettato con tecnologia di Navigazione Differenziata™ childKEY
Pienamente conforme alle norme antiterrorismo e Privacy
Politiche di navigazione avanzate
Gestione via web facile da usare
Controllo degli accessi
Ritorno dell'investimento in breve tempo
Aumenta l'efficienza dei PC in quanto l'utente non scarica materiale non idoneo
Statistiche di navigazione
Ottimizzazione dell'uso della banda
Applicazione Etica delle risorse internet

I dati sull'utilizzo di Internet nel luogo di lavoro

Gli italiani appassionati della Rete trascorrono oltre 31 milioni di ore, durante il lavoro, collegati alle chat-line. Ufficialmente la motivazione é quella “di tenersi informati” ma soprattutto pare per combattere la solitudine. Questa é la fotografia dei cibernauti che emerge dall'indagine condotta da Internet Monitoring su un campione di 300 persone, presentata in occasione del convegno “Internet e la società virtuale”.

Le ultime statistiche riportano dati (allarmanti per le aziende) sul tempo che in media il dipendente (americano) spreca davanti ad Internet: circa 2h al giorno per pagare bollette, guardare filmati o foto, cercare voli, etc., senza contare le visite, abbastanza frequenti, a siti pornografici.

Oltre alle chat sono molti altri i servizi che vengono utilizzati dal posto di lavoro quali il download di file musicali e video che, oltre a distogliere attenzione dalle attività produttive, riduce le risorse di banda a disposizione dell’azienda.

L’utilizzo non corretto di Internet costa alle aziende Italiane 500 MILIONI DI EURO all'anno

Una fetta consistente di utenti delle chat si connette direttamente dal posto di lavoro. Tenuto conto che il numero annuo dei dipendenti che ogni giorno chattano dagli uffici è stimabile in 180 mila unità ed ipotizzando che la durata di ogni connessione giornaliera sia di un’ora, Internet Monitoring ha fornito una stima del costo per le aziende di quest’uso improprio dei PC. Si tratta di circa 500 milioni di euro all’anno.

Utilizzare un quarto del proprio orario lavorativo per faccende private può di sicuro alleggerire il carico giornaliero per il dipendente, ma può nuocere alla produttività dell’azienda. L’impresa (o l’imprenditore) di norma cerca di ottimizzare gli investimenti, diminuire gli sprechi ed aumentare la produttività.

Gli imprenditori ben conoscono l'importanza dell'impegno dei propri collaboratori per ottenere un buon risultato aziendale. Purtroppo non sempre si raggiunge la condivisione degli obiettivi tra dipendenti e imprenditori. E l’impresa più o meno visibilmente ne risente. I costi sostenuti per la non produttività dei propri dipendenti si riflettono in termini di minore competitività, allungamento dei tempi, resistenza all’evoluzione dei processi, minori opportunità di innovazione.
Non si può nemmeno pensare di togliere lo strumento Internet ai dipendenti: è il mezzo di comunicazione più veloce e completo per reperire informazioni che servono all’azienda. Ma se tutto il risparmio di tempo che Internet ha generato viene vanificato dal comportamento non professionale di certi lavoratori? Quali vantaggi avrebbe l’azienda a mettere a disposizione Internet?

Educare all'utilizzo di internet?

GESTWEB Research ritiene utile, da parte dell’azienda o dell’imprenditore, gestire le connessioni ed educare all’utilizzo di Internet sul lavoro. Nel privato ognuno può fare quello che vuole. Sul lavoro è bene, corretto, serio e professionale che Internet sia utilizzato a scopi lavorativi.
Starà poi all’azienda/ imprenditore decidere di lasciare che Internet venga utilizzato per scopi personali dopo il normale orario di lavoro, concedendo l’opportunità di una navigazione libera per coloro che non hanno la connessione a casa.
Negli USA migliaia di aziende si sono dotate di sistemi per gestire, monitorare ed indirizzare l’accesso ad Internet per i propri dipendenti. E in Italia? Paradossalmente sono le grandi aziende quelle che si dotano di sistemi di questo genere, mentre le PMI sono poco propense a «spendere.
Paradossalmente” nelle grandi aziende il contributo del singolo dipendente è relativamente meno importante di quello che può dare un dipendente in un’azienda di medie o piccole dimensioni.

Le statistiche parlano chiaro: oramai quasi tutte le imprese italiane sono connesse ad Internet, la maggior parte dispone di propri siti web ed un numero sempre crescente si affida all’e-commerce.
Questo vuol dire che in quasi tutte le aziende la maggior parte dei vantaggi generati da Internet vengono vanificati dallo spreco di produttività legato ad uno scorretto utilizzo di Internet.
Ecco dove interviene KEYcorporate: eliminando questi sprechi affinchè le aziende si reimpossesino dei vantaggi offerti dalla rete.

< pagina precedente